PIANO EXPORT MADE IN ITALY 2020

MB 5.0

Sostegno alle imprese che esportano

In conseguenza della crisi determinata dall’epidemia di covid-19 il made in Italy ha subito una notevole flessione che il nuovo piano per l’export 2020 vuole arginare con un contributo di 716 milioni di euro. Le esportazioni di prodotti italiani provenienti dai comparti fondamentali sono in piena crisi e anche l’impossibilità di recarsi all’estero genera ulteriori problemi.

Tra le ipotesi a sostegno delle Pmi, innanzitutto è prevista un’ingente campagna di comunicazione a sostegno del made in italy nel mondo, unita all’utilizzo delle nuove tecnologie blockchain per garantire la tracciabilità del prodotto al fine di rafforzare la lotta alla contraffazione che produce danni per oltre 100 miliardi di euro.

Prevista anche la possibilità della copertura totale al 100% delle spese sostenute per fiere a cui non è stato più possibile partecipare a causa dell’emergenza, nonché un sostegno al credito delle imprese che esportano.

Anche la partecipazione a tutte le fiere (oltre 200) promosse all’estero dall’Ice, nonché l’utilizzo di tutti i servizi dell’istituto dal 1 aprile 2020 sono gratuiti. L’Ice contribuirà ad incrementare anche la presenza dei prodotti italiani nella GDO all’estero, predisporrà una campagna di comunicazione per le Pmi per favorire i loro processi di internazionalizzazione e predisporrà progetti di formazione per influencer sul mercato soprattutto dell’agroalimentare. Previsto anche un considerevole aumento della presenza sui market place delle imprese italiane anche grazie ad un consistente investimento.